ENTRA NEL SITO

 

 

 

 

MISSIONE IN WEB

CAMPAGNA ANTIPEDOFILIA

 

I BAMBINI NON SI TOCCANO!!!

 

 

DENUNCIAMO

I VIGLIACCHI

CHE APPROFITTANO

DEI PIU' DEBOLI

 

 

 

CHIAMACI AL 112

 

CHIAMACI AL 113

UNITI PER DIFENDERE I PIU' DEBOLI

 

 

STOP ALLA

 

   

 

 

 

 GIORNATA DELLA MEMEMORIA DEI BAMBINI VITTIME DELLA PEDOFILIA

   

 LO SPOT DELLA POLIZIA DI STATO CONTRO I PEDOFILI IN RETE

   
 L'INNO CONTRO LA PEDOFILIA E LO SFRUTTAMENTO MINORILE DEL CANTAUTORE RINO MARTINEZ
   

 


 

LA PEDOFILIA

 

Il sequestro a scopo sessuale…

L’esperienza fin qui acquisita sulle ricerche dei minori scomparsi non ha fatto registrare, al momento, l’esistenza di organizzazioni criminali che si siano rese responsabili di sottrazione di minori italiani per il successivo sfruttamento nel mondo della pedofilia o della prostituzione minorile.

Come già detto, gli abusi sessuali in danno di minori si consumano prevalentemente in famiglia o, comunque, nelle ristrette cerchie di conoscenze della piccola vittima.
Lo sfruttamento della prostituzione minorile riguarda, invece, soprattutto giovani ragazze provenienti dall’Est europeo o ragazzi/e nomadi che, per pochi soldi, e spesso con la complicità delle famiglie si prostituiscono nelle nostre città.

...e quello finalizzato all’espianto clandestino di organi.

Per sfatare un’altra ipotesi, che ha spesso trovato spazio in campo giornalistico, le attività investigative non hanno consentito, allo stato, di evidenziare episodi di minori scomparsi per essere sottoposti ad espianto di organi.
 

I SEGNI PSICOLOGICI DELL’ABUSO

Anche se mancano segni fisici, non mancheranno certamente i segni psicologici.

 

Le conseguenze dell’abuso riguardano funzioni psicologiche ed adattive quali l’organizzazione del Sé, la regolazione degli affetti, lo sviluppo dei pattern di attaccamento, lo sviluppo dell’autostima, le relazioni con i coetanei e l’adattamento sociale.

 

Gli esiti clinici dell’abuso e della trascuratezza risultano variabili ed incostanti e si manifestano in funzione dei fattori di rischio e protettivi presenti nel soggetto e nell’ambiente familiare e sociale, interpretabili alla luce della psicopatologia dello sviluppo .

 

Per dare alcuni riferimenti agli operatori sul campo riportiamo di seguito alcuni indicatori di cambiamento comportamentale che si caratterizzano clinicamente per essere tipici, sebbene non costituenti prova certa ed assoluta, per i casi di abuso:

 

FINO A 6 ANNI DI ETA':

- Disturbi del sonno

- Disturbo condotte alimentari

- Lamentele per dolori fisici (cefalea, dolori addominali)

- Preoccupazioni insolite

- Paure immotivate

- Rifiuto nel mostrare il corpo nudo

- Esplosioni emotive improvvise (pianto, crisi di rabbia, mutismo)

- Isolamento familiare/sociale

- Aggressività contro adulti/coetanei

- Autolesionismo

- Interesse sessuali e comportamentali sessualizzati inappropriati all'età

- Particolari caratteristiche del gioco

 

DAI 6 ANNI IN POI:

- Disturbi del sonno

- Disturbo condotte alimentari

- Lamentele per dolori fisici (cefalea, dolori addominali)

- Preoccupazioni insolite

- Paure immotivate

- Rifiuto o compiacenza nel mostrare il corpo nudo anche in situazioni mediche, reattività al contatto fisico

- Esplosioni emotive improvvise (pianto, crisi di rabbia, mutismo)

- Aggressività contro adulti/coetanei

- Autolesionismo

- Interessi sessuali inappropriati all'età, masturbazione compulsiva, comportamenti sessuali promiscui

- Passività, inibizione del pensiero

- Depressione, isolamento

- Difficoltà scolastiche

- Oppositività, provocatorietà

 

  

 

CHIAMATA GRATUITA 

Per i diritti dei bambini

 

 

www.associazionemeter.it

www.missioneinweb.it

  E’ attivo il nuovo “numero verde per diritti dei bambini” dell’Associazione “Meter onlus di don Fortunato Di Noto”, impegnata, in Italia e all’estero, in prima linea contro ogni tipo di violenza e sfruttamento dei minori. Il numero verde si aggiunge al servizio sociale del Centro di Ascolto e Prima accoglienza e agli Sportelli Meter.

  Il call center nazionale, sostenuto con il contributo della Regione Sicilia, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione e attivo ad opera dei volontari di Meter, risponde al numero verde 800 45 52 70, chiamata gratuita, per le chiamate provenienti dall’Italia,
da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle ore 12,30 e dalle ore 16 alle ore 18,30.

  Il Numero Verde che si affianca a quello istituzionale di Meter 0931 564872 oltre che al portale di servizio www.associazionemeter.it anche per le segnalazioni dei siti pedopornografici e nocivi per i minori.

  Le chiamate e le consulenze offerte sono a totale carico dell’Associazione Meter al numero verde 800 45 52 70, l’obiettivo è quello di aiutare e accompagnare in tutte le sue difficoltà i bambini o le famiglie che si imbattono su disagi, abbandono, violenze, e sul tristissimo fenomeno dell’abuso sessuale, quest’ultima tematica molto complessa con la paura e la difficoltà di non poterne uscire sereni.

  Il Numero Verde (che sarà a disposizione di tutti gli utenti sul territorio nazionale e degli Sportelli Meter) fornisce, attraverso un’équipe di esperti e figure professionali, informazioni e percorsi di prevenzione, nonché risposte, sul problema dell’abuso all’infanzia e della pedofilia e sui diritti dell’infanzia.

  Raccoglie segnalazioni di emergenza in cui la salute psico-fisica dei minori è in pericolo indirizzando il caso ai servizi territoriali garantendo il supporto e l’accompagnamento da parte dell’èquipe di Meter del Centro di Ascolto e prima accoglienza.

  Il servizio del Numero Verde e gli Sportelli Meter dislocati nel territorio nazionale collaborano, seguendone i casi di urgenza con:
Forze dell’ordine e di Pubblica Sicurezza (Uffici Territoriali del Governo, Polizia, Carabinieri, Municipale, etc.)
Soccorso sanitario (118; Pronto Soccorso, Guardia medica)
Procure presso i Tribunali (ordinaria e minorile)
Servizi socio-sanitari della ASL (Neuropsichiatria Infantile, consultorio familiare
Enti Locali (Comune, Provincia, Regione)
Tribunali (per i Minorenni e/o Ordinario)
Centri di Giustizia Minorile, etc. (Ufficio Servizi Sociali per i Minorenni, Centro di Prima Accoglienza, Istituto Penale Minorile)
Centri di Accoglienza (Comunità, Case Famiglia, etc.)